ITA | DEU | ENG

MMApe social  
MMApe - Museo dell'ape di Croviana su Facebook MMApe - Museo dell'ape di Croviana su twitter MMApe - Museo dell'ape di Croviana su GooglePlus MMApe - Museo dell'ape di Croviana su YouTube MMApe - Museo dell'ape di Croviana su Linkedin MMApe - Museo dell'ape di Croviana su Foursquare MMApe - Museo dell'ape di Croviana su Pinteres MMApe - Museo dell'ape di Croviana su Tripadviso  

MMape - Mulino Museo dell’ape di Croviana

OLTRE IL MMAPE  Cosa fare


Escursioni in bicicletta

La pista ciclabile della Val di Sole si sviluppa quasi per intero lungo il percorso dello spumeggiante Fiume Noce, per 35 km, da Mostizzolo a Fucine e da qui fino a Cogolo di Peio ricalcando il tracciato di antiche strade di collegamento o di strade arginali e di campagna. Il percorso non è impegnativo e copre un dislivello complessivo di 565 metri.
Si possono scegliere vari percorsi ed utilizzare il treno "Dolomiti Express" e il Bici Bus, appositamente attrezzati per il trasporto delle bici, per integrare gli itinerari o risalire comodamente dal fondovalle. Le biciclette sono noleggiabili presso i numerosi noleggi presenti in tutta la valle.

Il percorso ciclopedonale della Val di Sole prende avvio in corrispondenza del ponte di Mostizzolo (Km 0,00), nelle vicinanze della stazione ferroviaria Trento-Malè.
Il ponte scavalca una profonda forra, in corrispondenza del punto dove il Noce si getta nel Lago di Santa Giustina, grande bacino chiuso da una altissima diga. Il primo tratto di Valle, nonostante sia quello più a bassa quota, attraversa un paesaggio con caratteristiche più marcatamente alpine, poiché si inoltra in un fresco bosco di abeti. A mano a mano che si procede, il bosco lascia spazio alla campagna coltivata a frutteto e ad ampi prati, fino a raggiungere il paese di Malè, capoluogo della Valle di Sole. Lungo questo tratto di pista ciclabile, protetta dal traffico veicolare, si incontra la località di Ponte Stori (Km 2,6), attrezzata per la sosta.
Raggiunta l’altezza del paese di Cavizzana (km 5,8), si affrontano 380 m di salita, ma prima di giungere a Cavizzana si ridiscende verso il Noce, attraversando vasti frutteti al cospetto della massiccia costruzione di Castel Caldes e della sovrastante Rocca di Samoclevo che ci sovrastano sull’altro lato della valle.
Al settimo chilometro troviamo “le Contre”, località con attrezzature sportive e ricreative. Proseguendo sempre sulla destra idrografica del Fiume Noce, in breve si raggiunge il punto di confluenza con il Torrente Rabbies, che scende dalla Valle di Rabbi e si versa nel Noce un chilometro a valle di Malè. Rimanendo lungo il Torrente, si supera la borgata di Malè, capoluogo della Val di Sole, che sorge su un pianoro posto a quota più alta. In questo modo la pista ciclabile non attraversa il paese, che comunque merita una visita per ammirare alcuni edifici caratteristici e per far visita al Museo della Civiltà Solandra. Il percorso ciclabile prosegue attraverso la grande piana prativa che porta al paese di Dimaro (Km 15,1) posto all’imbocco della Val Meledrio, da dove si dirama la strada che porta a Madonna di Campiglio. Per un lungo tratto si costeggia la ferrovia Trento-Malé.
Dimaro viene attraversato dalla pista ciclabile, sempre lungo il Noce, prima in destra e poi in sinistra idrografica, fino al paese di Mestriago. Proseguendo e superata la località di Piano, si ritorna a costeggiare il fiume, passando di fronte a Mezzana, in corrispondenza dello Stadio di canoa slalom, fino a raggiungere il Centro Sportivo. Ora si prosegue dolcemente lungo la pista fino al paese di Pellizzano (Km 25) ove sorge il nuovo bicigrill.
Proseguendo su tratto pianeggiante ci si avvicina ad Ossana ed al suo Castello di San Michele, ben visibile ancora da lontano.
Si risale quindi per un breve tratto il Torrente Vermigliana in corrispondenza del campeggio e si attraversa in seguito il ponte che conduce a Fucine (Km 28,2) crocevia tra la Valle di Sole e la Valle di Peio. Ci si trova a questo punto a quota 985 metri sul livello del mare. Superato l’abitato di Fucine si prosegue in direzione nord ovest dove la pista ciclabile si inoltra nella valle di Peio in un primo tratto semipianeggiante fino alla Loc. Forno di Novale (Km 29,85) e in seguito in salita verso Cogolo. La valle è più stretta e si è costretti ad attraversare il Noce tre volte, la seconda sul ponte stradale che porta al paese di Comasine, affrontando una breve ma ripida salita. Continuando a salire si giunge infine in vista di Cogolo, che si raggiunge, dopo una breve e ripida discesa, affrontando un ponte che porta sulla strada principale proprio all’ingresso del paese (Km 34,11).

Pista ciclabile "Sole"


« indietro



La Festa biodiversa, fra ovene api e fiori
Una giornata dedicata alla biodiversità e alla natura: il 23 luglio al MMape!

Entra gratis con Trentino Guest Card
Visita il museo, partecipa alle attività e degusta i prodotti. Tutto gratis con Trentino Guest Card

FreeLuna_MMape free social WiFi
Connettiti gratis in tutta sicurezza grazie a FreeLuna_MMape il servizio free social WiFi di MMape